Monaci del Surf

25 luglio 2014

monaci

Per le strade di Torino si aggira un gruppo di personaggi vestiti in kimono nero e mascherati come “luchadores” messicani. Se li guardi bene noti che ognuno di loro ha stampato in oro un simbolo sulla schiena, che le maniche delle loro giacche sono decorate con delle fiamme e che si portano dietro delle custodie nere che parrebbero contenere degli strumenti musicali. Nessuno sa esattamente la loro storia, o meglio, ognuno ne sa una diversa: sono ex sacerdoti in cerca di una nuova spiritualità, sono atei in fuga, sono musicisti disperati, sono mascherati perché non possono farsi riconoscere, sono membri dei servizi segreti; qualunque sia la verità, sono conosciuti come Monaci del Surf.

Nel 2012 esce il loro primo discoper la label INRI, sotto l’alta supervisione di Metatron. Le 12 tracce riscuotono grande successo tra il pubblico e tra gli addetti ai lavori. Dall’estate 2013, un quarto monaco con un’altra chitarra elettrica si aggiunge al trio e come gli altri si presenta mascherato sul palco. Sul suo kimono è ricamato un Toro, mentre l’altro chitarrista porta l’effige di una Tigre, il batterista ha un Panda e il bassista un Cobra. A Marzo 2014 è uscito il loro secondo disco, prodotto e realizzato dallo stesso team del primo: II.

una produzione

in collaborazione con

main partners

media partners

partners

food and beverages